Italiano
English
Contact Us
stars

Eventi In Umbria

Festa e Corsa dei CeriGubbioPiazzabeforerace

Il 15 Maggio è una data segnata di rosso sul calendario di ogni eugubino. È il giorno de la Festa dei Ceri di Gubbio (PG).

Le origini di questa Festa affondano le radici nei secoli. Alcuni studiosi la fanno risalire alle cerimonie pagane in onore della dea Cerere. Altri ancora ipotizzano il 1154, festeggiamenti dopo la vittoria di Gubbio contro 11 città alleate. Ma l’ipotesi più verosimile, nonché la prediletta dagli eugubini stessi, è riconducibile alla figura di Ubaldo Badassini, Vescovo di Gubbio nel XII secolo ed oggi Santo Patrono della città, Sant’Ubaldo.

Read More..

Ponte 25 aprile Umbria
25_aprile_2012

Il 25 aprile, Anniversario della Liberazione d’Italia nota anche come Festa della Liberazione, è una ricorrenza con una forte connotazione culturale e politica ma è anche uno dei primi giorni festivi della primavera in cui spesso è possibile approfittare di qualche giorno di “ponte” per fare una breve vacanza o una gita fuori porta.

 

Read More..

Pasqua in UmbriaPasqua1

Pasqua  è da sempre un ottimo pretesto per cambiare aria e scoprire qualche nuova destinazione, o tornarvi una seconda volta se la prima ha lasciato il segno… magari con qualche variazione sul tema! Quale miglior periodo per assistere alla rinascita delle colline del cuore verde d’Italia? Indubbiamente la primavera! Trascorrere la Pasqua in Umbria è infatti un’ottima occasione per vivere e conoscere i borghi, i monumenti e le tradizioni che caratterizzano la regione in questo periodo, dalla processione per il Venerdì Santo, alle varie manifestazioni tipiche della Domenica di Pasqua!

Read More..

Ponte 1° Maggio Umbria

qwIl 1° Maggio, Festa del Lavoro o Festa del Lavoratori, è una festa condivisa da molti Paesi e nasce come celebrazione dei traguardi raggiunti dai lavoratori attraverso la rivendicazione dei propri diritti.

In Italia la festività cade a pochi giorni dal Ponte del 25 Aprile e in alcuni anni, grazie alla “coincidenza fortunata” delle due feste, è possibile approfittando di qualche giorni di ferie fare una pausa di molti giorni.

Read More..

Le Infiorate di Spelloinfiorata-spello

Spello (PG) ogni anno, in occasione della processione del Corpus Domini, ospita le Infiorate di Spello che, come indica il nome, sono composizioni floreali eseguite da veri artisti, rappresentati figurazioni e motivi ornamentali liturgici.La trasformazione da semplici fiori distribuiti sul selciato a veri e propri “tappeti” e quadri floreali avvenne attorno al XIX secolo. Tuttavia, la vera evoluzione artistica si fa risalire al 1930, quando una donna disegnò sulla strada una semplice figura floreale con ginestre e finocchi

Read More..

La Festa del Corpus Domini di Orvietopartita_a_scacchi_ma_dfbc31

Come ogni anno in occasione della festività del Corpus Domini (Corpo del Signore, 2a domenica dopo la Pentecoste, 9a dopo Pasqua, ndr), Orvieto rivive la solennità della cerimonia, sia religiosa che prettamente popolare. A “menar le danze” è il Corteo delle Dame, il sabato pomeriggio antecedente, 16:30 circa, che ripropone uno spaccato immaginario di vita medievale: i nobili dei territori assoggettati, arrivati in città per sfilare in corteo, erano seguiti da numerose dame e cortigiani. E proprio in onore delle prime il Podestà organizzava delle rappresentazioni in piazza, dalle danze ai canti medievali, dalle esibizioni di sbandieratori a quelle di falconieri, con il Palazzo del Popolo a far da cornice.
Read More..
 

Ponte 2 Giugno Umbria09240032

Dopo i ponti del 25 aprile e 1° maggio il Ponte del 2 giugno in Umbria conclude il ciclo delle pause primaverili e facendo da anticamera per le vacanza estive.

Solitamente in questo periodo la vicinanza dell’estate si fa sentire concedendo temperature calde e giornate soleggiate ideali per chi vuole passare qualche giorno fuori casa
Read More..

Giostra della Quintana

Foligno (PG) ogni anno ospita la Giostra della Quintana, manifestazione storica annuale (ripresa nel 1946 dopo un secolo di pausa, ndr) ispirata alla competizione equestre medioevale e che riporterà la città indietro nel tempo, quando le donne erano “Dame” e gli uomini “Messeri”.
Read More..

La Fiorita: La Fioritura di Castelluccio di Norcia

Castelluccio di Norcia è un comune che si trova nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini, a quota 1452 metri ed a pochi chilometri (circa 28) da Norcia (PG), in Valnerina.

Il borgo si trova in cima ad una collina, al centro di un altopiano e di fronte al Monte Vettore. L’altopiano si suddivide in 3 piani: Pian Grande; Pian Piccolo e Pian Perduto. Per un totale di 15 km², che durante l’anno appaiono cromaticamente “poveri”.

Read More..

Festival dei 2 Mondi, Spoleto Festival

festival-spoleto

Il Festival dei Due Mondi di Spoleto (PG), chiamato anche lo Spoleto Festival o Spoleto Festival dei 2Mondi, è uno dei più longevi ed importanti festival dell’Umbria, nonché un evento di risonanza mondiale e per molto tempo unico nel suo genere in Italia.
Read More..

Donazione della Santa Spina MONTONE (PERIODO PASQUALE E VERSO 15 AGOSTO)

Edificato nella parte più alta di un colle che domina la confluenza dei fiumi Tevere e Carpina,  Montone è un piccolo borgo medioevale perfettamente conservato ed immutato nei secoli. Possenti mura circondano l’abitato e conferiscono allo stesso un aspetto austero,unnamed illeggiadrito tuttavia dallo svettar delle sue torri campanarie. Le vie strette e tortuose si snodano e si alternano alle ampie scalinate che percorrono il centro storico. La sua origine risale al X secolo e già nel 1121 il borgo fortificato, seppur sotto il diretto controllo di Perugia , aveva la possibilità di darsi degli statuti e di amministrare la cosa pubblica attraverso i propri maggiorenti.

Read More..

Umbria Jazz

Il più grande e famoso festival dell’Umbria!

Chi non conosce Umbria Jazz, una delle kermesse Jazz tra le più famose ed importanti d’Italia? 10 giorni del mese di Luglio dove Perugia si dedica ed abbraccia il meglio del jazz (e non solo) italiano ed internazionale, tra l’Arena Santa Giuliana, il Teatro Pavone, l’Oratorio Santa Cecilia, Piazza IV Novembre ed i giardini Carducci.

Il Festival nacque ufficialmente il 23 Agosto 1973, concerti degli Aktuala e dell’orchestra di Thad Jones e Mel Lewis, nelle cui fila militava una giovanissima Dee Dee Bridgewater, al teatro naturale di Villalago, Piediluco (TR). Merito degli sforzi di Carlo Pagnotta, commerciante perugino appassionato di jazz.
La formula della manifestazione dei primi anni è decisamente diversa rispetto all’attuale: itinerante e gratuito, tra alcuni dei luoghi più belli del Cuore Verde d’Italia come, oltre Villalago, piazza del Popolo di Todi, piazza IV Novembre a Perugia, il teatro romano a Gubbio, la fortezza dell’Albornoz a Spoleto e piazza San Francesco a Umbertide.

Eurochocolate

Il festival più goloso d’Italia!

Eurochocolate è senza dubbio l’evento dedicato al cioccolato più importante dell’Umbria, se non d’Italia. Si svolge ogni anno in Ottobre a Perugia.

Le origini di questa manifestazione risalgono al 1994 ed all’intuizione creativa dell’architetto Eugenio Guarducci. Da allora è stato un continuo crescendo di pubblico e di successo.

Dedicata alla tradizione della cioccolatiera italiana e internazionale, ogni anno all’interno della manifestazione vengono allestiti stands gastronomici di produttori di cioccolato ed organizzati tantissimi eventi, spettacoli, iniziative culturali che animano le vie e le piazze del centro storico della città capoluogo dell’Umbria.

Immancabili “eventi nell’evento” le Sculture di Cioccolato ad esempio, fatte da abilissimi scultori che si dilettano a scolpire blocchi di cioccolato di 1 m³ di volume e a ricavarne vere e proprie opere d’arte che sono esposte per tutta la durata della manifestazione. Durante la lavorazione delle statue milioni di scaglie di cioccolato sono date in distribuzione gratuita al grande pubblico che ha raggiunto Perugia in quei giorni.

Appuntamento fisso è anche la sezione speciale Eurochocolate World, con cui i paesi produttori di cacao presentano alla Rocca Paolina i loro usi, costumi, tradizioni e prodotti tipici a base di cacao.

Ponte 1° Novembre Umbria

Il “ponte di Ognissanti”, “ponte del 1° Novembre” o anche “Ponte dei morti”, è la prima pausa, la prima vacanza da quando si rientra al lavoro dalle ferie estive. Da passare con i propri cari e le persone amate, all’insegna del divertimento o dell’assoluto relax, magari in uno dei confortevoli agriturismi in Umbria.

L’autunno avanza, e le possibilità di fare attività outdoor diminuiscono. Ma è anche il momento della raccolta del tartufo invernale, quello bianco, il tuber magnatum pico, la trifola. Degli olii e dei vini novelli, dei funghi e di tutti i prodotti del sottobosco come mirtillimorelamponimiele e castagne: in giro per il Cuore Verde d’Italia troverete decine di mostre mercato, di eventi e di aziende agricole che vi permetteranno di assaggiare ed acquistare gli eccellenti e tipici prodotti umbri. Immersi nel folklore, nelle feste, nelle rievocazioni di antichi mestieri ed anche nelle “fiere dei morti”, presenti in quasi ogni cittadina: probabilmente le giornate a corredo di Ognissanti sono le più indicate per i buongustai che vogliono visitare l’Umbria

Culturaarte e fede non possono mancare. Per 365 giorni questa splendida regione offre meraviglie naturalistiche come la Cascata delle Marmore, il Lago Trasimeno e le Fonti del Clitunno. E città piene di storia e di fascino come AssisiGubbioTodiOrvietoTreviSpelloNarniNorciaCascia
Senza dimenticare che le varie stagioni teatrali umbre in questo periodo sono ormai avviate. E che qualche mostra interessante e di qualità c’è sempre nel centro d’Italia.

Albero di Natale di Gubbio, l’Albero di Natale più grande del mondo

Gubbio (PG) ed il Natale sono un connubio che dura dal 1981, da quando sulle pendici del Monte Ingino si decise di “costruire”, in onore del Patrono S. Ubaldo, un Albero di Natale alto oltre 650 metri con con più di 250 punti luminosi di colore verde, 300 luci multicolore e sulla sommità una stella dalla superficie di 1.000 m² disegnata da 200 luminarie. Una realizzazione tale non poteva certo passare inosservata, ed infatti nel 1991 entrò nel Libro dei Guinness dei Primati come “The World’s Largest Christmas Tree“.

L’Albero di Natale più grande del mondo viene acceso ogni anno alla vigilia dell’Immacolata, 7 Dicembre. Rimane attivo per tutto il periodo delle feste, fino al giorno dell’Epifania, 6 Gennaio, o poco oltre.

Molti personaggi importanti (tranne i primi allestimenti, dal 1981 al 1987, ndr) nel passare delle edizioni hanno avuto l’onore di accendere l’Albero di Natale di Gubbio. Ad esempio nel 2011 a spingere il tasto  fu papa Benedetto XVI.

L‘edizione 2013 ha visto accendere l’Albero di Natale più grande del mondo, il 7 Dicembre 2013, da Don Francesco Soddu, Direttore della CARITAS italiana. Si è voluto così dare il dovuto risalto al preziosissimo contributo che il mondo del volontariato sta dando in questi periodi così difficili per venire incontro alle emergenze di tantissime famiglie italiane e per l’accoglienza delle migliaia di migranti che arrivano nel nostro Paese.

Per ulteriori informazioni potete consultare il sito ufficiale dell’Albero di Natale di Gubbio alberodigubbio.com.

Quest’anno sarà Papa Francesco ad accendere l’Albero di Natale più grande del mondo, il 7 dicembre prossimo.

Il 7 dicembre ci sarà la cerimonia ufficiale di accensione in Piazza 40 Martiri, (Gubbio) a partire dalle ore 18,00.

L’Albero rimarrà acceso dal tramonto a tarda notte per tutto il periodo natalizio fino al 10 gennaio successivo.

Natale Umbria

L’Umbria è una delle regioni italiane dalla tradizione storica, folkloristica, religiosa ed artistica più antica ed importante. Non fa eccezione una delle festività più importanti dell’anno, il Natale. Premiando coloro che lo vogliono passare in un clima intimo, sereno e raccolto. Ma anche quelli che non ce la fanno a stare fermi, e vogliono approfittare di questi giorni di festa per poter ammirare in lungo ed in largo la natura e l’arte di questa splendida regione. Senza dimenticare i piaceri della tavola.

Ed il Cuore Verde d’Italia respira e traspira ampiamente l’atmosfera natalizia. A partire dai tradizionali Mercatini di Natale, che potrete trovare da nord a sud, da est ad ovest. Non solo mercatini delle Strenne, ma anche di artigianato, hobbystica, antiquariato ed enogastronomici.

Numerosi sono anche i Presepi. E come potrebbe esser diversamente, visto che li “inventò” San Francesco d’Assisi a Greccio nel 1223? In Umbria ce ne sono di tutti i tipi: da quello dentro ad un pozzo, il Presepe nel Pozzo di Orvieto, a quello vivente di Marcellano, Gualdo Cattaneo, che ha fatto meritare al piccolo borgo umbro il soprannome di “Betlemme Umbra”; dalle rassegne dei presepi come quelle di Massa Martana e Cascia alle scene della Natività “acquatiche”, come il presepe vivente della Cascata delle Marmore. Vere e proprie opere d’arte, degne di una visita.

Natale in Umbria sono anche i concerti e le cantate di Natale. Tutti i più grandi centri abitati della regione, come Perugia, Terni, Città di Castello, Narni, Assisi, Todi, Gubbio, Marsciano, Cascia e Norcia, e relative chiese, auditorium e piazze principali, ospitano nel mese di Dicembre cori, zampognari, gospel, canti gregoriani e musica classica. Luoghi suggestivi ed esecuzioni coinvolgenti.

Vogliamo parlare delle luci? Oltre alle vie illuminate di pressoché ogni borgo e cittadina umbra, 2 installazioni rubano certamente la scena, attive dall’Immacolata fino all’Epifania:

  • l’Albero di Natale di Gubbio, l’Albero di Natale più grande del mondo, dal 1991 nel Libro dei Guinness dei Primati come “The World’s Largest Christmas Tree” (elettronico, ndr);
  • la Stella di Miranda, Terni, considerata la stella cometa artificiale più grande del mondo. Posizionata sul colle del borgo medioevale di Miranda, illumina e domina tutta la conca ternana con i suoi 3 ettari di superficie, 105 metri di diametro ed una coda da 350 metri. La sagoma è formata da circa 100 lampade, con 9 km di cavi elettrici.

Capodanno in Umbria

Siete amanti della tranquillità, e vi piace passare la notte di San Silvestro lontani da tutti, insieme ai vostri cari e/od ai parenti? Oppure amate stare in mezzo alla gente e festeggiare il primo dell’anno in piazza? Il Cuore Verde d’Italia può offrirvi entrambe le possibilità. E molto altro.
E poi cosa c’è di meglio di dormire in un rilassante agriturismo in Umbria dopo una nottata di festa?

fssf

Nel primo caso, troverete numerose strutture ricettive di qualità, a pochi chilometri dai centri abitati oppure immersi nella natura. Non ci credete? Controllate la nostra pagina con le offerte per il Capodanno in Umbria.
Se amate il “caos” delle piazze, avrete l’imbarazzo della scelta. Tutti i centri abitati umbri maggiori, ad esempio Perugia, Terni, Città di Castello, Gubbio, Todi, Marsciano e Spoleto, organizzano concerti e kermesse nelle piazze principali.

Contact Us

[contact-form-7 404 "Not Found"]
Perugia Agriturismo Podere Caldaruccio La Pineta vicino Gubbio & Assisi

Perugia Agriturismo Podere Caldaruccio La Pineta vicino Gubbio & Assisi